All’indomani delle decisioni di Boris Johnson di non concorrere alla successione di David Cameron come Premier e di Nigel Farage di non voler più essere il leader di UKIP, si sono sentite sui media europei ed italiani