Negli ultimi dieci anni il Tesoro ha stipulato derivati sui tassi con 17 banche internazionali e due italiane (Intesa e Unicredit) e ora è esposto per la cifra-monstre di 160 miliardi. A febbraio la Corte dei Conti