A costo di essere ripetitivo e correndo il rischio di annoiare i lettori, ribadisco un concetto già espresso la scorsa settimana. Da un punto di vista meramente razionale, è difficile, per non dire impossibile, comprendere l’enorme entusiasmo