L’Unione Europea in costruzione ci sta inesorabilmente impoverendo, incurante dell’esistenza delle nostre microimprese, refrattaria a riconoscere le nostre tipicità, ma pronta a bacchettarci non appena si accorge che “non abbiamo fatto i compiti a casa”.