IL «GRANDE complotto» europeo, temuto dai renziani, riporta alla mente il 2011.