L’associazione dei coltivatori denuncia come l’estrema rigidità di alcuni vincoli sanitari danneggi in modo grave i prodotti tipici italiani.