“Gli Stati membri ex comunisti dell’Unione Europea – riferisce il quotidiano britannico The Times- intendono sfruttare le ripercussioni del Brexit per una rivoluzione contro la Ue volta a bloccare gli accordi impositivi sui migranti e ad affermare