La Troika avrebbe dovuto fin da allora (2010) prendere atto della situazione, dilazionare il pagamento del debito in 60 anni dopo un congruo periodo di preammortamento, a tassi di favore, (come solo ora propone il capo economista